20/11/2017 04:40:34

Forum: La Posta degli Amici di Burraconline

Quattro risate, riflessioni, scambi di idee, e tanto altro.

Argomento: attendere prego ,el tonto è tornato

el tonto
el tonto

Iscriz: ago 2011
Post: 179
 
06/01/2017 09:48:43
buongiorno,
la tradizione narra che la notte
dell'Epifania
gli animali parlino.
eccomi qui nello scrivere.
ciao sono io ,
ogni giorno con le pinelle e jolly,
entro, leggo e scappo via,
tentazione ebbi,
un capitano senza la scimmietta ?,
distrazione arrivò,
costruire arca, salvare
educazione e rispetto,
la bottiglia fu lanciata,il nome pronunciato
"burrancoliniana",
impatto con la prua fu devastante,
il varo diventò un affondo.
io non sono cambiato
scemo ero, lo sono, lo sarò.
Epifania porta via tutte le feste,
el tonto rimane,
dove siete amanti del leggere? dello scrivere?
non bruciatevi scrivete.

el befano è el tonto

p.s. auguri a tutti per le festività
Questo argomento ha più di sei mesi e non è possibile aggiungere nuovi messaggi.
Ci sono 4 risposte totali a questo topic
 
lalbasulmare
lalbasulmare

Iscriz: mar 2014
Post: 157
 
06/01/2017 17:12:44
Finalmente eccoti qui, grazie x gli augrii e contraccambio di cuore.
Sii generoso, facci leggere qualcosa, la tua mancanza si sente.
La tua grande cultura associata alla ironia che ti ritrovi e' unica.
In attesa di leggerti x un sorriso in piu', ti saluto affettuosamnete.
ironico71
ironico71

Iscriz: gen 2014
Post: 23
 
14/01/2017 22:08:16
Navi,ciurme e piratesse .gira e volta .e son le stesse! ..Volta e gira .cambio mira ...tutto dipende ....dal vento che tira! ....Stanze,tavoli ..oh mamma mia... ..calo tre assi e scappo via!!! ..caro el tonto ...non se ne puo' piu' .ma all'improvviso ritorni tu!!!!!!! ..
lalbasulmare
lalbasulmare

Iscriz: mar 2014
Post: 157
 
23/01/2017 15:02:45
Va bene, nn ti decidi a scrivere, grrrrrrrrr.
il ns amico Re' ti ha dedicato una carinissima filastocca; io con entusiasmo, apposto, " la storia dell'acca in fuga" di Gianni Rodari, x strappare un sorriso a coloro che leggeranno.

(Perché il sorriso di un amico e' come il sole,
che ti illumina la vita,
Ti regala il suo tempo,
ti fa dono del suo cuore.
lalbasulmare
lalbasulmare

Iscriz: mar 2014
Post: 157
 
23/01/2017 15:10:13
./.
(poesia di Sara Acireale)
post bloccato, inviato involontariamente

L'Acca in fuga di G. Rodari

C'era una volta un'Acca.
Era una povera Acca da poco: valeva un'acca, e lo sapeva. Perciò non montava in superbia, restava al suo posto e sopportava con pazienza le beffe delle sue compagne. Esse le dicevano:

E così, saresti anche tu una lettera dell'alfabeto? Con quella faccia?

Lo sai o non lo sai che nessuno ti pronuncia?

Lo sapeva, lo sapeva. Ma sapeva anche che all'estero ci sono paesi, e lingue, in cui l'acca ci fa la sua figura.

" Voglio andare in Germania, - pensava l'Acca, quand'era- più triste del solito. - Mi hanno detto che lassù le Acca sono importantissime ".

Un giorno la fecero proprio arrabbiare. E lei, senza dire né uno né due, mise le sue poche robe in un fagotto e si mise in viaggio con l'autostop.

Apriti cielo! Quel che successe da un momento all'altro, a causa di quella fuga, non si può nemmeno descrivere.

Le chiese, rimaste senz'acca, crollarono come sotto i bombardamenti. I chioschi, diventati di colpo troppo leggeri, volarono per aria seminando giornali, birre, aranciate e granatine in ghiaccio un po' dappertutto.

In compenso, dal cielo caddero giù i cherubini: levargli l'acca, era stato come levargli le ali.

Le chiavi non aprivano più, e chi era rimast6 fuori casa dovette rassegnarsi a dormire all'aperto.

Le chitarre perdettero tutte le corde e suonavano meno delle casseruole.

Non vi dico il Chianti, senz'acca, che sapore disgustoso. Del resto era impossibile berlo, perché i bicchieri, diventati " biccieri", schiattavano in mille pezzi.

Mio zio stava piantando un chiodo nel muro, quando le Acca sparirono: il " ciodo " si squagliò sotto il martello peggio che se fosse stato di burro.

La mattina dopo, dalle Alpi al Mar Jonio, non un solo gallo riuscf a fare chicchirichi': facevano tutti ciccirici, e pareva che starnutissero. Si temette un'epidemia.

Cominciò una gran caccia all'uomo, anzi, scusate, all'Acca. I posti di frontiera furono avvertiti di raddoppiare la vigilanza. L'Acca fu scoperta nelle vicinanze del Brennero, mentre tentava di entrare clandestinamente in Austria, perché non aveva passaporto. Ma dovettero pregarla in ginocchio: Resti con noi, non ci faccia questo torto! Senza di lei, non riusciremmo a pronunciare bene nemmeno il nome di Dante Alighieri. Guardi, qui c'è una petizione degli abitanti di Chiavari, che le offrono una villa al mare. E questa è una lettera del capo-stazione di Chiusi-Chianciano, che senza di lei

diventerebbe il capo-stazione di Ciusi-Cianciano: sarebbe una degradazione

L’Acca era di buon cuore, ve l’ho già detto. È rimasta, con gran sollievo del verbo chiacchierare e del pronome chicchessia. Ma bisogna trattarla con rispetto, altrimenti ci pianterà in asso un'altra volta.

Per me che sono miope, sarebbe gravissimo: con gli "occiali" senz’acca non ci vedo da qui a lì.
Ci sono 4 risposte totali a questo topic